Condividi questo articolo:
    

Tutte le finiture per le ante della cucina

Laccati, laminati, polimerici… Di cosa sto parlando? Delle finiture delle ante della cucina ovviamente!

Dopo aver visto i materiali utilizzati per realizzare le ante delle cucine, il naturale passo successivo è quello di scoprire quali sono le finiture (o differenziazioni) che le caratterizzano.

 

È necessario però un chiarimento: tendenzialmente tutti i materiali (truciolare, impiallacciato, ecc) possono essere utilizzati come supporto ad una delle finiture che andremo a vedere. Naturalmente per quanto riguarda il design è importante solamente l’anta nella sua declinazione, ma se ragioniamo in termini di qualità e resistenza, il materiale torna ed essere protagonista.

 

Quindi, le ante sono rifinite solitamente in una di queste declinazioni:

 

Laccato lucido o opaco

Il laccato è una delle finiture più vendute negli ultimi anni per via del look moderno che dona. Si realizza colorando l’anta con vari strati di vernici diverse, fino a raggiungere la lucentezza (o l’opacità) desiderata. Essendo una verniciatura, le possibilità di colorazione sono infinite. In alcuni casi si può utilizzare la palette colori Pantone®! Ma non finisce qui: il laccato può essere diviso anche in poro aperto e poro chiuso. La laccatura a poro aperto lascia intravedere le venature del legno sottostanti e quella a poro chiuso invece no.

 

materiali-laccato

 

Laminato

È il materiale che offre più praticità di utilizzo e soprattutto una maggiore varietà di finiture, in particolare quelle ‘’venate’’, che simulano in modo molto convincente il legno. Inoltre, il laminato non assorbe i liquidi e quindi, per quanto riguarda l’igiene, viene consigliato anche per la realizzazione dei piano di lavoro. Sostanzialmente si tratta di un foglio di materiale plastico (quindi estremamente resistente a urti e graffi) che va a ricoprire il supporto su cui è applicato, che esso sia truciolato, MDF, impiallacciato o altro.

  

Polimerico

Si tratta di un pannello in MDF rivestito da un materiale sintetico (solitamente PVC, ovvero cloruro di polivinile). Le ante in ‘’polimerico’’ hanno la particolarità di essere rivestite in modo totale, senza soluzione di continuità in tutti i 4 bordi laterali, donando un look moderno e pulito. Questa particolarità rende le ante anche molto resistenti a infiltrazioni di liquidi e urti.

 

materiali-polimerico

 

Impiallacciato

Con l’impiallacciato si possono ottenere diverse ‘’essenze’’, ovvero le finiture derivate dai legni (i tranciati) utilizzati per ricoprire le ante in truciolare e realizzare questo tipo di lavorazione. Questi tranciati, o impiallacciature, sono sostanzialmente dei fogli di legno, spessi pochi millimetri, verniciati per ottenere le sfumature dettate dalla moda del momento.

 

materiali-impiallacciato

 

Melaminico

Il concetto di fondo è lo stesso del laminato: si applica la carta melaminica (materiale sintetico realizzato in fogli da pochi millimetri) ad un pannello di truciolato o simili. Negli ultimi anni le carte di questo tipo hanno fatto passi da gigante ed ora riescono a simulare in modo molto convincente il legno, in tutta la sua rugosità e porosità.

 

Le finiture per le ante della cucina a questo punto non hanno più segreti per te! Si tratta di un mondo complicato ma al contempo affascinante, al quale si deve prestare molta attenzione: le ante sono il ‘’volto’’ di una cucina e per questo di fondamentale importanza!  

 

A questo punto, per progettare al meglio la tua nuova cucina, il nostro catalogo è l’unica cosa che ti manca!

 

Scarica Catalogo Cucine e Design 





Articoli correlati

Durante la progettazione di una cucina, oltre alla scelta dei materiali più adatti, parte...

Stai progettando la tua cucina e devi decidere quale tipo di piano cottura scegliere? Sei...

Scommetto che hai intenzione di cambiare la tua cucina (o di acquistarne una per la prima...